La montagna carsica: paesaggio e acqua

Dal punto di vista paesaggistico un elemento di tutela e valorizzazione è il Monumento Naturale Altopiano di Cariadeghe, che occupa la porzione nord-occidentale dell'omonimo massiccio calcareo nel comune di Serle.   Si tratta di un fenomeno ambiente di natura carsica che ha creato morfologie del tutto particolari e tipiche del fenomeno carsico: le doline, depressioni del terreno di varie dimensioni e profondità sul cui fondo o versanti si aprono cavità percorribili dall'uomo, campi solcati, grotte a sviluppo verticale o orizzontale e tutte le forme minori di dissoluzione carsica spesso costituite da veri e propri pozzi verticali.   All’interno della montagna circola l’acqua che riaffiora in pianura.     Da Sant’Eufemia a Vallio Terme passando per Botticino e Serle:  paesaggio carsico   Serle: Altopiano Cariadeghe; nascita di un fiume, il Rudone   Nuvolento e Nuvolera: risorgive e fontanazzi - Fonte So...

Continua a leggere...

Fonte Som

A Nuvolento sono ancora ben visibili e funzionanti, varie fontane che un tempo servivano per l’approvvigionamento dell’acqua potabile della comunità. Una delle più caratteristiche e importanti è quella posta nelle vicinanze della sorgente Som (o Sum) posta a monte della via, denominata appunto, Antica Fonte. Si tratta di un manufatto semplice, ma raffinato esempio della cultura locale, che comprende la fontana in marmo vera e propria con accanto gli originali meccanismi idraulici di captazione ed erogazione dell’acqua. Nel 2010 la fontana è stata oggetto di un profondo restauro conservativo che ha interessato anche l’intera area circostante per tutelare la qualità delle acque che da qui sgorgano e  che ha portato alla luce i resti di un’antica fornace di calce.   A cura di Alberto Franzoni...

Continua a leggere...

Fontanone: la sorgente del Rudone

 Il Fontanone di Paitone è la sorgente più importante in termini di portata, presente sul pedemonte che borda la pianura bresciana orientale. La testa della sorgente e costituita da un laghetto irregolare, con vari diverticoli che fanno capo a punti ove esistono alcune polle naturali sparse lungo il perimetro. Il fondo si presenta a tratti sassoso, con accumuli di massi di varie dimensioni. Il Fontanone di Paitone è uno dei siti più importanti di carattere naturalistico quale sorgente di acqua carsica. Il sito è stato recuperato pochi anni fa’ con l’obbiettivo di valorizzare l’acqua, quale elemento indispensabile per la vita, attraverso una ricostruzione idrogeologica e storica del suo percorso rispetto all’utilizzo negli anni passati. Nell’anno 1000 L’ambiente fu trasformato dai monaci Benedettini ad uso agricolo con opere di bonifica. La natura di risorgente carsica ha sicuramente sviluppato un rapporto con...

Continua a leggere...

Grotta "Büs del Fra"

La grotta Buco del Frate è stata riconosciuta come area paesaggistica di particolare interesse regionale dal 1977 e con la legge n° 83 del 1986 è stata classificata come “monumento naturale”, per il suo pregio naturalistico e scientifico. La grotta è ubicata appena sotto la selletta che unisce il monte Paitone al monte Budellone. L’ingresso è possibile da due diversi accessi: l’imbocco “basso” oppure quello “alto”, con una differenza di quota di pochi metri. L’interesse per questi luoghi varia dall’aspetto paleontologico, speleologico, faunistico, naturalistico e climatico. Le grotte del luogo ospitarono gli orsi nei loro letarghi invernali. Sono stati rinvenute ossa riferibili ad una trentina di individui, di cui un orso completo ed esposto nel Museo di Gavardo. La ricca fauna rinvenuta è composta principalmente da lupi, volpi, faine e martore, più rare sono le iene, le marmott...

Continua a leggere...

Ripristino delle sorgenti storiche: parte prima

L'idea di valorizzare le sorgenti del territorio comunale nasce dal contesto di sottolineare la particolarità importante della nostra piccola valle del Vrenda, luogo da sempre ricco di acque. L'origine del toponimo "Vallio", infarri, allude alla presenza d'acqua, essendo riconducibile ai termini "valle e "ruscello". Il progetto, nato lo scorso anno, ha il duplice scopo di fornire elementi scientifico-naturalistici per lo studio comparato delle sorgenti e di configurarsi come un intervento a tutela del territorio, che ne promuove l'utilizzo da parte di tutti, specialmente degli sportivi e dei turisti. Questo progetto ha avuto l'approvazione di regione Lombardia e la collaborazione dell'associazione culturale Ecomuseo del Botticino riuscendo ad ottenere finanziamenti a copertura di circa l'80% delle spese preventivate. Con un modesto investimento economico, il Comune di Vallio Terme, grazie al sostegno generoso e preciso di numerosi volontari, ha potuto realizzare un progetto ve...

Continua a leggere...

Ripristino delle sorgenti storiche: parte seconda

In questo articolo è possibile scaricare la seconda decina di sorgenti censite dal Comune di Vallio Terme....

Continua a leggere...

Ripristino delle sorgenti storiche: parte terza

In questo articolo è possibile scaricare le ultime otto sorgenti censite dal Comune di Vallio Terme....

Continua a leggere...