la cultura ci alimenta

  “La Cultura ci Alimenta”   Per dare vita a "La Cultura ci Alimenta"  Ecomuseo del Botticino inizia la collaborazione con "Sistema Bibliotecario Brescia Est": tutto deve necessariamente passare attraverso i luoghi preposti alla cultura e nei quali le Amministrazioni locali da anni investono capitali e ingegni: le biblioteche. Senza le biblioteche nessun ecomuseo esisiterebbe, del resto anche il Padiglione Zero a Expo si apriva con una grande libreria che stava a significare che l'uomo produce la cultura ma la stessa deve essere conservata e ci si doveva attraversare, immergere  in questa cultura (qualsiaisi essa sia)  per entrare nella storia dell'uomo e del suo divenire. La cultura però è tanta: bisogna affrontarla un pezzo alla volta. Ci si avvicina a due punti nodali che l'Italia e il mondo affronteranno. Expo Milano 2015 e l'Anniversario della 1° guerra mondiale.   Il progetto si articola in due temi: -&...

Continua a leggere...

Storia della civiltà umana, Storia del cibo

Storia della civiltà umana, storia del cibo: le produzioni locali e lo sviluppo territoriale.  verso Expo 2015   Il cibo è fonte di vita e di sopravvivenza: l’essere umano consuma ciò che produce e scambia l'eccedenza della produzione o parte di essa per avere quanto non riesce a produrre. Il cibo è divenuto elemento costitutivo della qualità della vita e dell’ambiente. Il cibo serve non solo per nutrirsi ma per comunicare, dialogare, lavorare, confrontarsi, divertirsi ed educare. L’atto del mangiare è un’esperienza culturale che permette di fare esperienza di un determinato contesto vivendolo. La tavola, la mensa, il banchetto, il pasto condiviso indicano momenti di relazione umana che fondano la società, custodiscono le tradizioni, consolidano le comunità. La genuinità e la diffusione di prodotti agro-alimentari è innanzi tutto una necessità sociale, oltre a rappresentar...

Continua a leggere...

1915-1918 la Grande Guerra: storie di confine

il lavoro che verrà fatto è finalizzato alla messa a fuoco  del concetto di “Luogo della Memoria”, entrato oramai nel linguaggio comune e intende - in primo luogo, far comprendere l’impatto della 1° Guerra  sulla società del nostro territorio, insegnare a valorizzare la dimensione locale, rivalutando e riscoprendo quelle caratteristiche uniche dei luoghi modellati da saperi, tradizioni, specificità ambientali, ricchezze sociali a relazionali attraverso la ricerca storica;   - in secondo luogo creare il “Prodotto culturale e turistico Ecomuseo del Botticino” per la promozione del territorio ecomuseale attraverso la  conservazione della memoria. Facendo  riferimento alla storia italiana e mondiale si analizzeranno gli eventi, le date, i personaggi e i luoghi fisici che non solo hanno segnato la vita degli abitanti del territorio di Ecomuseo ma hanno anche lasciato un segno forte nella vita  cul...

Continua a leggere...