statuto e regolamento

Lo statuto, approvato nell'assemblea straordinaria del 9 aprile 2013, è la base fondante di Ecomuseo del Botticino e tutti i soci sono tenuti ad osservarlo.

Il regolamento di Ecomuseo del Botticino, approvato nell'assemblea straordinaria del 9 aprile 2013, ha nello statuto il proprio punto di riferimento.

 

Staturiamente l'organo direttivo di Ecomuseo è il Consiglio Direttivo che, all'interno dei consiglieri eletti nomina il presidente. 

 

il Consiglio Direttivo indirizza e governa la Associazione.

I membri eletti, per il trienno 2014/2017, sono

 

Clara Benedetti,

Charlotte Berg, Vice Presidente

Raffaele Forgione,

Alberto Franzoni,

Marco Luppis,  Presidente

Federico Tumminello,

Gianni Vezzoni,

 

 

 

 

 

 

 

 

Gli altri organi di governo, con la funzione di consiglio e controllo sono il collegio dei Revisori dei Conti e quello dei Proboviri

 

Membri eletti per il triennio 2014/2017

Revisori dei Conti:

Luca Pastorelli

 

Consiglio Probiviri:

Alberto Mantovi,

Matteo Prati,

Franco Nencini

 

Supportano il Consiglio Direttivo, negli indirizzi di progetto e fattivamente il  Coordinatore che ha in carico la parte operativa e i Collaboratori Scientifici di aiuto e sostegno al coordinatore

 

Coordinatore:

Maurizio Bettinzoli

 

Comitato Scientifico: Referente Scientifico di Ecomuseo del Botticino è la prof. Elena dell'Agnese,  docente di Geografia alla Università di Milano Bicocca e vicepresidente di "The International Geographical Union (IGU)".

Il referente scientifico valuta la qualità scientifica della ricerca effettuata dai ricercatori. (in allegato CV del referente scientifico)

 

Area Storica:

Barbara Bracco,

Emilia Nicoli

 

Area Scienze Umane:

Matteo Prati, Turismo e promozione del territorio

Elena dell'Agnese, Geografa

Valeria Pecorelli, Geografa

Ilaria Apostoli, Didattica e Formazione

Marco Luppis, Marketing e pianificazione

 

Area Scienze Naturali:

Alberto Mantovi,

Raffaele Forgione

 

Area Beni culturali:

Maurizio Bettinzoli,

Alberto Franzoni

Gianni Vezzoni