Controriforma e Arte, dalle tesi di Lutero al marmo commesso

 

Lutero, Controriforma e arte

 

dalle 95 tesi di Lutero al marmo commesso

 

 

Viviamo nel territorio, lo abitiamo, lo vediamo ma spesso non conosciamo perchè è come lo vediamo, quali sono e perché sono avvenute le trasformazioni in un territorio, tutto sommato, posto alla periferia dei grandi avvenimenti.

 

 

Premessa: Il 31 Ottobre 1517 il monaco agostiniano Martin Lutero affiggeva, sulla porta della chiesa del castello di Wittenberg 95 tesi in vista di una pubblica assemblea. Dalla affissione delle tesi sono iniziati enormi cambiamenti spirituali, teologici, liturgici riflessi nella pittura, letteratura, architettura, musica e modi di vivere.

Il Concilio di Trento, conclusosi nel 1563 ha dato impulso ai cambiamenti che hanno radicalmente cambiato il vivere quotidiano: la Controriforma impone (nel mondo cattolico) nuovi modelli costruttivi alle chiese ed agli altari, la pittura si trasforma e cambia la musica sacra poiché tutto tende a parlare di un Dio straordinario che si manifesta con azioni fuori dalla umana comprensione. Ecco quindi che nei secoli XVII e XVIII nascono nel nostro territorio, al margine dei grandi avvenimenti Chiese e scuole artistiche che marcano ambiente e relazioni sociali.

 

 

Finalità del progetto: Promuovere la diffusione della cultura locale legata alla globale e incrementare nei giovani la consapevolezza della necessità di diventare parte attiva e propositiva della vita culturale e sociale del territorio che vivono Infine vuole far conoscere i macro-cambiamenti avvenuti nel mondo che hanno portato nel territorio di Ecomuseo del Botticino alla realtà artistica che viviamo.

 

 

 

Metodologia: partendo dalla proiezione di un film “Lutero” seguito da conferenze storiche ed artistiche, concerti di musica sacra e di cori polifonici, si descrivere il momento storico e culturale nel quale è nato il Luteranesimo e i passi della Controriforma (artistici e culturali).

 

 

PARTNER DEL PROGETTO:

  • ECOMUSEO DEL BOTTICINO 
  • Associazione Custodi della Pieve (Nuvolento)
  • Scuola Media paritaria don Orione (Botticino)
  • Comune di Botticino
  • Comune di Nuvolento
  • Comune di Paitone
  • Comune di Prevalle
  • Comune di Rezzato
  • Comune di Serle
  • Comune di Vallio Terme

 

 

 

 

 

Obiettivi generali del progetto

 

  • Coinvolgere, motivare, formare quanti interessati a compiere una esperienza di cittadinanza attiva di conoscenza e diffusione della conoscenza del territorio

 

  • Offrire uno spazio di incontro aprendosi a “nuovi prodotti culturali” nati dal “sistema territorio” imparando ad interagire con tutte le generazioni che fanno parte del nostro sociale

 

 

A chi è rivolto? Il progetto è rivolto a tutti: dagli studenti delle scuole di ogni ordine e grado agli adulti il tutto ottenuto con azioni diversificate e divulgative e non tecniche/specialistiche.

 

 

 

Tempi e azioni:

 

10 maggio

Teatro del Centro Lucia - Botticino

conferenza con proiezione di film “Lutero

presentato da Giulio Martini (critico RAI 3)

e commentato dalla Pastora Anne Zell della Chiesa Valdese

 

La proiezione del film Lutero, voluto dalla Unione delle Chiese Protestanti per raccontare la genesi della Riforma Luterana e la personalità del riformatore  ha introdotto ilracconto del momento storico in cui è maturata la Riforma. Il critico cinematografico Giulio Martini e la Pastora della Chiesa Valdese Anne Zell hanno commentato, durante la proiezione scene e moneti storici del film per chiarire punti poco chiari o variati per motivi di spettacolarità cinematografica.

 

 

24 Maggio 

Biblioteca “l. Dordoni” – Botticino

conferenza storica:

“Lutero e la riforma, cause e effetti”

prof. Giorgio Maghella

 

Il film Lutero ha presentato il momento storico, Giorgio Maghella ha raccontato diffusamente il momento storico  tra la fine del '400 e gli inizi del '500. Un doveroso inquadramento di una situazione politica particolarmente complessa in Europa arrivando fino all'apertura del Concilio di Trento che il papa Paolo III ha voluto per intervenire da un punto di vista teologico/metodologico nel momento storico alquanto travagliato. 

 

 

9 Giugno

Prevalle , sala delle musica

Concerto per liuto e Voce

 

Il Concilio di Trento, con il suo intento riformatore ha messo mano, tra le altre cose, a tutto l'apparato della rappresentazione liturgica: dalla scenografia delle chiese, all'utilizzo della musica durante le celebrazioni reliose. Per capire appieno qualè è stata la portata di questo cambiamento nella musica si ascoltano musiche del '500 fortemente legate alla tradizione Umanistica rinascimentale.  Si ascoltano brani europei (Germania, Francia, Inghilterra) e, in particolare, brani di un artista, raffinato, bresciano (Vincenzo Capirola) e di una compositrice (Maddalena Casulana) che hanno dato un enorma alla musica di corte.  La sala della musica del Comune di Prevalle, dalla acustica perfetta, e dalla ambientazione "nobile" immerge lo spettatore nella magia di una serata in una residenza nobiliare. Un momento di festa cinquecentesca con atmosfere suggestive.

 

 

15 Giugno 

Rezzato: Sala Civica Italo Calvino

Via leonardo da Vinci 44

Conferenza sull'arte:

“ Le arti tra Riforma e Controriforma: due stili per la casa di Dio. San Carlo Borromeo, una pianificazione attenta e strutturata”

Prof Nicoletta Senco

 

Il Concilio di Treno, con volontà riformatrice, introduce grandi cambiamenti nell'apparato scenografico della liturgia: l'architettura, la pittura e la musica sono, tutte, utilizzate per crerare un ambiente suggestivo e coinvolgente che porta il fedele verso Dio. San Carlo Borromeo, conoscitore di architettura, arte e geologia, morigerato e inflessibile pianifica attentamente e minuziosamente dando regole su tutto quanto riguarda la edificazione della Casa di Dio. Le arti, a seguito della nuova richiesta della committenza si modificano profondamente e modificano l'aspetto del paesaggio. Nicoletta Senco, nel corso della  conferenza presenta le regole imposte da Carlo Borromeo.

 

 

 

 

 

29 Giugno

 Rezzato, Sala civica Italo Calvino

Via Leonardo da Vinci 44

Conferenza sull'arte:

“Le arti tra Riforma e Controriforma: due stili per la casa di Dio.

Gli altari in marmo commesso”

prof Nicoletta Senco

 

Le arti seguono la committenza: il commesso marmoreo, nato a Firenze e poratato nel territorio di Ecomuseo incontrando grande manualità e capacità artistica della maestranze rezzatesi da vita a botteghe di produzione del marmo commesso che raggiungono, nel territorio vette di eccellenza. Nicoletta Senco illustra caratteristiche e vita delle botteghe artistiche e la loro produzione.

 

 

 

6 Luglio 

Nuvolento, Piave di Santa Stefania

Concerto d’organo

 

La Pieve di Santa Stefania (Nuvolento) è un edificio di antica origine appartenente al sitema plebano della Diocesi di Brescia e, nella sua forma attuale porta inscritti tutti i cambiamenti che il cristianesimo, in duemila anni di vita ha affrontato. Il luogo è particolarmente adatto e suggestivo per accoogliere un concerto di musica polifonica per organo e archi che, a partire dal Concilio di Trento è stato introdotto nella liturgia.

 

 

 

 

Seguiranno, ad ottobre, visite ai beni culturali del territorio in particolare alle chiese ed alle opere in marmo commesso che disegnano il profilo del nostro paesaggio